Lavōrs davuelts in cumņ

Trascrizion e corezion dai tescj in variant furlane locāl pal libri dal mestri Meni Molfetta “In file atorn dal fogolār”; in ore presint o stoi lavorant ae trascrizion e corezion dai tescj, simpri in variant locāl, pal libri di prossime publicazion “Flics di vite in rime” di Nicolņ De Mattia (Gabane).

Ogni cuindis dīs o fās ancje la voltade par furlan dai comunicāts stampe pal Tg in lenghe furlane trasmetūt de emitent locāl VTC.

In struc, achģ sot, cjatais dōs peraulis sui lavōrs fats...

"In file atorn dal fogolār" di Meni Molfetta

Il libri “Atorn dal fogolār” al č tant che un grant afresc de culture e de savietāt dai nestris vielis. Tante la robe dade dongje, che e partģs des liendis aes filastrocjis e ai indivinacui, passant midiant lis orazions che timp indaūr a vignivin detis dilunc ducj i moments de zornade e par ogni ocasion e i mateēs dai fruts. Une vere e proprie antologje popolār, metude adun de indurance e ricercje dal autōr Meni Molfetta, bielzą cognossūt par vź parturīt altris oparis di grant valōr culturāl.
Impuartant il valōr documentari di chest libri, che al conte di lūcs, int, sprocs, fasintju rivivi inte memorie storiche dal paīs, intun ricuart che plan plan al samee dismenteā simpri plui la sō identitāt.
La opare e je insiorade da interessants fotos, che a mostrin lis cjasis di Sudri, prime dal taramot dal '76, cidinis testemoneancis dal stīl costrutīf cjargnel, lāt sparīt daspņ de ricostruzion.
Un grant libri, une grande racuelte, par ducj, fruts, grancj, vons, scuelis, par ducj chei che no vuelin dismenteā cui chi jerin, cui che o sin, cui che o sarin. Sara Maieron

Blec gjavāt fūr de introduzion dal dot. Alfio Englaro:
Domenico Molfetta non cessa di stupire. Non solo per il suo tratto perennemente ottimista e a volte scanzonato, ma per la sua costante e vasta produzione letteraria attraverso la quale, a partire dall’ormai lontano e sismico 1976, ha periodicamente saputo offrire nuove e stimolanti pagine di Carnia, attingendo ad una vena personale che pare non esaurirsi mai. E questo ultimo suo lavoro si colloca esattamente nella scia dei precedenti, ma appare diverso da essi non tanto per gli argomenti trattati o per la lingua friulana qui utilizzata per la prima volta (e non poteva essere altrimenti), quanto piuttosto perché, in questo libro, i tre filoni principali della produzione letteraria di Molfetta (storia locale, religiositą popolare, piante ed erbe di Carnia) si rincorrono, si compendiano e si fondono in un amalgama costituito da quella sapienza popolare, che nasce nelle generazioni passate, si alimenta nelle recenti e si proietta su quelle future.
Non a caso tutto questo materiale era stato dall’autore accuratamente sistemato, anno dopo anno, in un cassone in attesa non di “tempi migliori” (come si usa dire) ma forse della “vuotezza dei tempi”.
Che sono proprio quelli odierni, in cui la tecnologia esasperata e l’arido tecnicismo sembrano voler soffocare e cancellare ogni traccia di un passato anche recente, cui nessuno presta pił credito. Tempi, che disdegnano e spesso rinnegano le radici culturali e il substrato religioso della nostra societą, quasi vergognandosene. E Molfetta qui tenta proprio di riempire questo “vuoto” che a tratti spaventa e a volte preoccupa e avvilisce.
La protagonista di questa opera č dunque la sapienza popolare (e popolana) in tutte le sue variegate espressioni, sfumature e forme che a Sutrio si sono via via concretizzate in storie, leggende, proverbi, modi di dire, preghiere, filastrocche, canti, giochi, indovinelli… che qui definiscono e caratterizzano i vari capitoli del libro.
Ne risulta cosģ uno zibaldone di saggezza popolare, che travalica perņ gli stretti confini di Sutrio, Priola e Nojaris per andare ad interessare e coinvolgere tutta la Carnia e certamente anche il Friuli storico, perché il senno popolare fa parte del patrimonio culturale universale, condiviso da quella umanitą semplice e dimessa, quale quella carnico-friulana, che si richiama a valori collettivi, vissuti e percepiti inalterati e inalterabili. Uno zibaldone in cui ciascuno puņ trovare o ritrovare un guizzo di buon senso, un lampo di suggestione, un insperato sorriso, un attimo di serenitą, una fugace emozione, un raggio di savietą, che emergono incredibilmente e con forza da quella opaca e diffusa sensazione, comune a tutti noi, di vivere oggi in un villaggio globale anonimo e spersonalizzato, permeato e dominato da mode e culture “altre”, importate e, in maniera subliminale, imposte.

Une cerce di ce che o podźs cjatā, chest al č il slambri plui impuartant che al sclarģs il non dāt al libri:
IN FILE ATORN DAL FOGOLĀR

Fint a pouc timp indaūr, ogni cjase a veve une spaziose cusjine e stant che a ere il cūr di dut il fabricāt, la uniche stanze scjaldade, la che sji passave il timp libar dal lavōr, massime la sere e i dīsj di trist timp e di freit, a vegnive clamade “cjase”.
Chźs das famees che a stavin benon di sachete a erin bieles, il fogolār al veve il cjavedāl in fier batūt e il menarost, atorn atorn biei bancjons e cjadreons di neār. A vevin un grant seglār di piere cun picjāts biei cjaldīrs di ram cui lōr ornāts, laveces e brunzins cu la date e simbui religjous par protezi il mangjā; une gratule ben furnide di plats di stagn, cogumes, cjaces e cops di ram metūts in scjale; a pendolon dal sofit un biel lampadari di latisjin a petroli. Il paviment al ere di madons.
Chźs dai plui biāts na vevin cjavedāl, ma nome la piere dal fūc e il cjadenaē. A vevin bancjes di peē e cualchi pruc, juste par podei sentā, brunzins di ghise, un seglār no simpri di piere ma encje di len, cualchi pagjele di fier e une gardele. Su la gratule ‘nd ere scugjeles di len e platei di cjere cuete di Cele o di Ēurēuvint. Sot il sofit a erin cuatri stangjes par picjā a fumā la cjarn di purcit e une secjarole par fumā il cali e las scuetes. Tacāts su pal mūr une lum a petroli, un ferāl a vueli e tai timps di plui miserie une lum cuntun tocut di len di pin. Il paviment al ere di lastres di piere. No vevin cuasji mai cjamin e il fum al jessjive da une balconete a livel dal sofit ma encje pa puarte e pai balcons; al lave sł pas scjales invadint stanzes e curidōrs formant sui mūrs une croste di cjalin grosse un deit. In cualchi cjase intun cjanton al ere il forn dal pan. Dispčs no ‘nd ere bźēs par comprā furminants e prin di lā a durmī a sji taponavin las bores benon benon cu la cinisje par podei cjatāles intal doman e cun lōr impiā il fūc. Dopo la prime uere a ąn comenēāt a fā cualchi spolert di madon o di fier.
Viers la fin dal atom e durant l’inviern cuasji ogni sere a turno sji usave dāsji dongje in cjase di un o di chel ati a scosolā fasjūi, sfoā las panoles dal sorc turc, gugjā, pontolā, scjarpī lane, filā, cjacarā e discuti dal plui e dal mancul. Chest lā pas cjases a sji disjeve “lā in file”. Las “files” a erin ocasjion par mantegni bogns rapuarts cun ducj; pai zovins par comenēā a murosā, pai vecjos par contā las lōr esperienses da vite e trasmeti il lōr savei; pai fruts (fin a une certe ore) al ere il moment di scoltā stories, liendes, indivinacui e filastrocjes contades dai nonos o dal contestories di turno che al ere tignūt in grande venerasion da ducj parcč che, dopo lāts intal jet i fruts (la finance), al contave stories pauroses e cun alc di gras, encje ai grancj, cualchi volte encje a puntades. E al saveve contāles cussģ benon da incjantā ducj1.
ATTORNO AL FOCOLARE

Nelle case di un tempo, la spaziosa cucina munita del focolare era il cuore della casa, dove si riuniva la famiglia nel poco tempo libero lasciato dal lavoro e soprattutto la sera. Quelle delle famiglie pił agiate disponevano di migliori suppellettili: alari in ferro battuto, bronzini, piatti di peltro, etc. In quelle pił povere l’alare era spesso sostituito da un catenaccio e da una semplice pietra per l’appoggio della legna, al posto dei bronzini e dei piatti di peltro c’erano pentole di ferro e rozze scodelle di terra cotta. Povera o ricca perņ ogni cucina palpitava di vita, soprattutto nelle serate autunnali e invernali quando vi si riunivano persone anche di altre famiglie per un aiuto reciproco nei lavori ritenuti noiosi.
Mentre si lavorava, si socializzava, i giovani facevano i primi approcci amorosi in vista del matrimonio, gli adulti parlavano del tempo, delle lune e dei futuri lavori dei campi e della montagna. C’era chi intagliava il legno o intrecciava gerle; le donne sferruzzavano calzini o trapuntavano le suole di pezza per le tipiche calzature (scarpets). I competenti – ce n’era qualcuno in ogni paese – raccontavano fiabe di ogni genere attinte dalla tradizione locale, o suonavano qualche antico motivo per ravvivare l’atmosfera dell’ambiente. A mezza serata non mancava poi una comune mangiata di patate o castagne, rallegrata da qualche bicchiere di sidro. Era questo un modo di vivere che portava alla solidarietą dei membri del villaggio e alla trasmissione orale delle conoscenze e di tutte quelle informazioni utili alla vita della comunitą.
Erano questi i momenti pił favorevoli per cementare le amicizie, per trasmettere preziose conoscenze relative al lavoro e infondere nella maniera migliore alle nuove generazioni i sani principi morali sui quali doveva basarsi ogni atto della loro vita. Per i giovani costituivano anche occasione adatta per i loro primi approcci amorosi; per i vecchi per raccontare le loro esperienze di vita, anche sotto forma di storie, massime e proverbi. A volte, la serata era animata da veri e propri cantastorie, che quando i bimbi andavano a letto, riservavano storie particolari e piccanti ai soli adulti.

Invito definitivo.pdf