3 di Avrīl, fieste dal Friūl

Une sdrume di apontaments pe fieste de Piēule Patrie. Chest an la fieste uficiāl si davuelzarą a Buie, chi sot il volantin cun dutis lis informazions.
3 di Avrīl locandine.pdf



Dōs informazions par cui che inmņ nol ą clār di ce che si trate lis cjatais intal "Prontuari par capī la fieste dal Friūl" prontāt dal Servizi Promozion des Identitāts de Provincie di Udin e tancj altris Ents (Provincie di Pordenon, Comun di Buie, Arlef e v.i.) che a ąn a cūr la nestre marilenghe e la nestre secolār culture.

Ve achģ in struc, dōs riis gjavadis fūr:

Il 3 di Avrīl dal 1077 al rapresente une ricorence impuartante pal popul furlan, parcč che e stabilģs la nassite dal Stāt patriarcjāl furlan (la Patrie dal Friūl), une istituzion guidade dal Patriarcje di Aquilee che e metarą adun fin al XVIII secul il Friūl e cetancj altris teritoris intune uniche istituzion, che par chź volte e ą tocjāt un alt nivel di democrazie.
Il 3 Aprile 1077 rappresenta una ricorrenza importante per il popolo friulano, poichč decreta la nascita dello Stato patriarcale friulano (la Patria del Friuli), un’istituzione guidata dal Patriarca di Aquileia che riunirą fino al XVIII secolo il Friuli e molti altri territori in un’unica istituzione, e che per l’epoca raggiunse un alto livello di democrazia.

Parcč il 3 di Avrīl?
A son tantis lis rispuestis a cheste domande, ma la plui reāl al č parcč che si stin pierdint, o stin dismenteant cui che o sin, si stin inneant intun mont fat di informazions che ogni dģ i mieēs di comunicazion di masse nus proponin, e che, lant ben par ducj, no rispuindin aes domandis di nissun. Come conseguence o stin pierdint l’amōr pe nestre tiere, pe bielece dal nestri teritori, pe nestre marilenghe, pes tradizions, par ce che o sin (“savints, onescj, lavoradōrs”), o ignorģn la nestre storie, o pierdģn lis nestris usancis e la nestre musiche…
E cun chest dutis lis prerogativis che nus fasevin unics e che nus fasevin ricognossi tal mont. E, cun nō, ancje ce che o produsģn. Cussģ nō, devant dal mont, no sin plui verementri propositīfs. No dome, o riscjģn che ancje la nestre autonomie e vedi simpri mancul valence e che e pierdi simpri di plui la sō fuarce par vie dai atacs che periodichementri e subģs.
E con ciņ tutte le prerogative che ci facevano unici e che ci facevano riconoscere nel mondo. E, con noi, anche ciņ che noi produciamo. E noi, davanti al mondo, non siamo pił veramente propositivi. Non solo. Corriamo il rischio che anche la nostra autonomia veda sminuita la sua essenza e perda progressivamente di forza davanti agli attacchi che periodicamente subisce. Alore al č ben tornā a cjatāsi. Dāsi une date impuartante come che ducj i popui dal mont a fasin e, cun chź, vź un pont di riferiment esemplār. I elements storics di tornā a proponi a son ducj: la nassite di une grande volontāt politiche che si manifeste intun Parlament avanzāt, la grande europeizazion de nestre tiere dulą che personalitāts di popui diferents le ąn puartade a cressi dal pont di viste sociāl e economic (dai patriarcjis todescs ai bancjīrs florentins), i disvilups culturāi une vore significatīfs che le ąn fate deventā sede des grandis corintis de culture cortese medievāl…
Il grant artist catalan Antoni Gaudģ (chel de Sagrada Familia di Barcelone) al diseve che la modernitāt e je la capacitāt di tornā a pensā al passāt.
Trope modernitāt che e podarčs tornā a nassi pal Friūl se i furlans a scuvierzessin di gnūf se stes e a tornassin a cjatā la voie di cognossi la propie storie e la propie lenghe. No dome par cussience e par amōr di chestis ultimis, ma ancje par oportunitāt: i marcjāts internazionāi e la stesse nestre autonomie a domandin simpri di plui une identitāt specifiche che e judi a diferenziā e a cualificā. Cun di plui, il confront e il dialic cun chei altris no puedin esisti cence une cussience di se, pene la subordenazion sociāl e inteletuāl.
Par ducj chescj motīfs la impuartance, propit, di une Fieste dal Friūl.

Ci sono tante risposte a questa domanda ma la pił reale č perché ci stiamo perdendo, stiamo dimenticando chi siamo e annegando in un mondo fatto di ciņ che ogni giorno i media ci propongono. Che, andando bene per tutti, non rispondono alle domande di nessuno.
Di conseguenza stiamo perdendo l’amore per la nostra terra, per la bellezza del nostro territorio, per la nostra lingua originale, per le tradizioni, per ciņ che siamo (“savints, onescj, lavoradōrs”), ignoriamo la nostra storia, distruggiamo le nostre tradizioni e la nostra musica...
Allora, č bene ritrovarci. Darci una data importante come tutti i popoli del mondo fanno e, con essa, un punto di riferimento esemplare. Gli elementi storici riproponibili ci sono tutti: la nascita di una forte volontą politica che si esprime in un Parlamento avanzato, la forte europeizzazione della nostra terra dove personalitą di pił popoli concorsero ad accrescerla socialmente ed economicamente (dai patriarchi tedeschi ai banchieri fiorentini), gli intensi sviluppi culturali che l’hanno resa sede delle grandi correnti della cultura cortese medioevale...
Il grande artista catalano Antoni Gaudģ (quello della Sagrada Familia di Barcellona) affermava che la modernitą č la capacitą di ripensare il passato.
Quanta modernitą puņ rinascere per il Friuli se i friulani si riscoprissero e ritrovassero la voglia di appropriarsi della loro storia, della loro lingua. Non solo per coscienza o amore verso di esse ma anche per opportunitą: i mercati internazionali, la stessa nostra autonomia richiedono sempre pił una precisa
identitą che aiuti a differenziare e a qualificare. Inoltre, il confronto e il dialogo con gli altri non puņ prescindere dalla coscienza di sé, pena la subordinazione sociale e intellettuale.
Da ciņ l’importanza di una Festa del Friuli.